EV CHARGER DOMESTICI A QUOTA 56 MILIONI IN UE ENTRO IL 2035

In Europa saranno necessari in totale 14 milioni di ev charger per auto elettriche entro la fine del 2025, ce ne vorranno 34 milioni entro il 2030 e 65 milioni entro il 2035. Per la stessa scadenza sono previste 56 milioni di wall box domestiche installate, una cifra quasi doppia rispetto ai 29 milioni previsti entro il 2030. Questi sono alcuni dei dati che emergono da una ricerca pubblicata da Ernst & Young Parthenon.

Leggi tutto l’articolo qui.

6 PAESI UE HANNO MENO DI UNA COLONNINA OGNI 100KM (DATI ACEA)

Secondo quanto emerso da una ricerca pubblicata dall’European Automobile Manufacturers’ Association (Acea) urge un’accelerazione nello sviluppo delle infrastrutture di ricarica a livello continentale: 6 Paesi Europei infatti al momento non raggiungono neppure la media di una colonnina ogni 100 km di rete stradale (la rilevazione include autostrade, strade statali, provinciali e comunali) e dispongono solamente di 1 colonnina veloce su 7 (ovvero con potenza superiore ai 22 kW).

Leggi tutto l’articolo qui.

MOTUS-E: 32,7 MILA PUNTI DI RICARICA IN ITALIA, +32% RISPETTO A SETTEMBRE 2021

Al 30 settembre si registrano 32.776 punti di ricarica presenti in Italia, ubicati presso 16,7mila infrastrutture e 13.225 location ad accesso pubblico, numeri che evidenziano una crescita del 32%rispetto al medesimo periodo del 2021 (un aumento pari a 7.982 charging point). Questo è quanto emerge dal report aggiornato trimestralmente da Motus-E, che a giugno 2022 riportava 30.704 punti di ricarica presso 15.674 infrastrutture e 12.410 location e che evidenzia, nel corso dell’ultimo trimestre, un aumento pari a 2.072 punti di ricarica pubblici.

Leggi tutto l’articolo qui.

SMART MOBILITY REPORT: 88MILA CHARGER DOMESTICI INSTALLATI IN ITALIA NEL 2021 (+250%)

Lo scorso anno sono stati 88mila i dispositivi di ricarica attivati in Italia in abito domestico, cifra che segna una crescita del 250% rispetto all’anno precedente: in totale risultano 130mila le wall box installate a dicembre 2021. Questo è uno dei dati divulgati dall’edizione 2022 dello Smart Mobility Report, rapporto curato dall’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano che approfondisce i macrotrend relativi allo sviluppo della mobilità sostenibile attraverso l’elettrificazione, l’utilizzo di carburanti alternativi e il car sharing. 

Leggi tutto l’articolo qui.

NEL 2030 IL BUSINESS DELLA RICARICA VARRÅ 119 MILIARDI DI DOLLARI

Il business legato alla ricarica di veicoli elettrici aumenterà di ben 10 volte entro i prossimi 8 anni,passando dagli attuali 11 miliardi di dollari – giro d’affari stimato nel 2021 – ai 119 miliardi di dollariprevisti per il 2030, con un tasso di crescita CAGR (tasso di crescita annuale composto) del 27%. Questo è quante emerge da un’analisi di mercato pubblicata a fine agosto dalla società di ricerca Global Market Insight.

Leggi tutto l’articolo qui.

IL 50% DEGLI E-DRIVER EUROPEI PREDILIGE LA RICARICA DOMESTICA

Per il 51% degli e-driver europei ricaricare l’auto elettrica attraverso la propria wall box domestica rimane la soluzione prioritaria, il 21% ha dichiarato di ricaricare spesso anche in ufficio, mentre il 22% predilige la ricarica presso le colonnine ad accesso pubblico. Questi sono alcuni dei trend emersi dal rapporto eRadiness 2022, un survey europeo sullo sviluppo della mobilità elettrica che ha coinvolto 7 Paesi, per un totale di complessivo di oltre 4.600 consumatori intervistati. 

Leggi tutto l’articolo qui.

ACEA: IN EUROPA COLONNINE PUBBLICHE CRESCIUTE DEL 180% in 5 ANNI

Secondo i dati pubblicati dall’European Automobile Manufacturer’s Association il 50% delle stazioni di ricarica pubbliche presenti in Europa sono concentrate solamente in due Paesi, Olanda (con il 29,4% del totale) e Germania (con il 19,4% del totale). A livello quantitativo, secondo Acea la percentuale corrisponde a circa 90mila caricatori per l’Olanda e circa 60mila per la Germania.

Leggi tutto l’articolo qui.

EV BOX: ECCO I CRITERI CON CUI GLI EUROPEI SCELGONO UNA WALL BOX

Il 65% degli e-driver europei valuta l’efficienza energetica prima di acquistare un sistema di ricarica domestico, per il 54% la facilità di utilizzo è la caratteristica più importante, mentre il 47% considera prioritario il periodo di durata della garanzia. Questi sono alcuni dei dati che emergono da un sondaggio europeo intitolato The State of Ev Adoption effettuato da EVBox in collaborazione con Ipsos.

Leggi tutto l’articolo qui.

BLOOMBERG NEF: OCCORRONO 490 MILIONI DI CHARGING POINT NEL MONDO ENTRO IL 204O

Entro il 2040 il business delle infrastrutture di ricarica varrà tra 1 e 1,4 triliardi di dollari: si stimano tra i 340 e i 490 milioni di punti di ricarica necessari a livello globale per sostenere la transizione elettrica, di questi tra i 42 e i 59 milioni dovranno essere ad accesso pubblico. Questo secondo le stime pubblicate da Bloomberg Nef all’interno dell’Electric Vehicle Outlook 2022, studio con cui l’istituto di ricerca anticipa quali saranno i trend globali dell’e-mobility. 

Leggi tutto l’articolo qui.

UN PIANO EUROPEO PER LE STAZIONI DI RICARICA DEDICATE AI TRASPORTI PESANTI

L’European Automobile Manufacture Association, in collaborazione con Fraunhofer ISI, ha realizzato una mappa interattiva per scoprire le zone d’Europa dove è più urgente realizzare delle infrastrutture di ricarica dedicate ai mezzi pesanti, proprio perché, secondo quanto riportato nello studio, questa categoria gioca un ruolo fondamentale nel processo di decarbonizzazione. La mappatura delle location ha richiesto uno sforzo importante: da giugno 2021 più di 400mila camion sono stati monitorati per tracciarne i percorsi attraverso un segnale GPS. 

Leggi tutto l’articolo qui.

OLTRE 330MILA STAZIONI DI RICARICA PUBBLICHE IN EUROPA (STUDIO CHARGEUP)

A fine 2021 si registrano oltre 330mila stazioni di ricarica pubbliche in Europa, una media di 73 ogni 100mila abitanti e più del 50% sono infrastrutture installate in Olanda e Germania, mentre l’Italia occupa la decima posizione a livello europeo, con una media di 49 stazioni ogni 100mila persone. Questi sono i numeri che emergono dalla prima edizione di State of The Industry, report sullo stato delle infrastrutture di ricarica nel vecchio continente realizzato da ChargeUp, la principale associazione europea dedicata all’industria delle infrastrutture di ricarica. Leggi tutto l’articolo qui.

CRESCONO LE AUTO ELETTRICHE, MENO I CHARGING POINT. IL RAPPORTO È 1 OGNI 9,2

Secondo un analisi di Bloomberg Nef il numero di punti di ricarica pubblici a livello mondiale non sta tenendo il passo rispetto all’incremento dei veicoli elettrici in circolazione. Il rapporto è infatti salito da 1 charging point ogni 7,4 veicoli elettrici (registrato a fine 2020) a 1 punto di ricarica ogni 9,2 veicoli registrato a fine 2021 (nel 2014 l’attach rate era di 1 ogni 4,7). Il gap è cresciuto soprattutto in seguito ai 6,6 milioni di veicoli elettrici venduti nel corso dell’ultimo anno. Leggi tutto l’articolo qui.

NEL MONDO 26 MILIONI DI VEICOLI ELETTRICI ENTRO FINE ANNO, IL 34% IN EUROPA

Secondo quanto emerge dalle previsioni divulgate da Bloomberg Nef, a breve nel mondo si supererà il traguardo dei 20 milioni di veicoli elettrici in circolazione, dato che include BEV e ibride plug-in. Per l’esattezza il target verrà raggiunto entro giugno: per avere un termine di paragone, nello stesso periodo del 2016 le auto elettriche in circolazione erano solo 1 milione. Secondo Bloomberg nel secondo semestre del 2022 le immatricolazioni cresceranno con un tasso di 1 veicolo ogni 3 secondi e raggiungeranno quota 26,4 milioni entro la fine dell’anno. Leggi tutto l’articolo qui.

L’ITALIA QUARTA IN UE PER COLONNINE PUBBLICHE, +75% RISPETTO AL 2020

Italia quarta in Europa per infrastrutture di ricarica ad accesso pubblico. Lo confermano i dati raccolti dall’European Alternative Fuel Observatory e divulgati da Power2Drive Europe relativi ai primi cinque Paesi europei per diffusione di strutture di ricarica pubbliche nel 2021. L’Italia occupa il quarto posto (26.860 charging point) preceduta, nell’ordine, da Olanda – al primo posto con 91.739 stazioni –, Germania (62.711 stazioni) e Francia (54.653 infrastrutture pubbliche). In quinta posizione la Svezia (con poco più di 20mila charging point). Leggi tutto l’articolo qui.

MOTUS-E: IN ITALIA 28MILA CHARGING POINT. IN 12 MESI CRESCIDA DEL 34%

Secondo i dati pubblicati da Motus-E, a oggi i punti di ricarica presenti sul territorio italiano hanno raggiunto quota 27.857, numeri che evidenziano una crescita del 7% rispetto a dicembre 2021 (26.024) con 1.833 nuove attivazioni. I 27,8 mila charging point totali sono presenti all’interno di 14.311 infrastrutture di ricarica e suddivisi tra 11.333 location accessibili al pubblico. Considerando l’installato raggiunto a marzo 2022, la crescita rispetto allo stesso mese del 2021 è risultata pari al 34%, con 7.100 nuovi punti di ricarica (+162% rispetto al medesimo riferimento temporale del 2020). Leggi tutto l’articolo qui.

Il 93% DEI COMUNI CON PiÙ DI 20MILA ABITANTI HA ALMENO UN CHARGING POINT 

Motus-E ha reso noti i risultati del survey intitolato Azioni e iniziative dei Comuni a favore della mobilità sostenibile, in cui vengono fotografate le iniziative in cui oltre 100 Comuni italiani si sono impegnati per contribuire allo sviluppo della mobilità a impatto zero. Relativamente alle stazioni di ricarica, dal survey è emerso che il 93% dei Comuni intervistati ha già installato un numero compreso tra 1 e 10 punti di ricarica a utilizzo pubblico. Leggi tutto l’articolo qui.

INVESTITI 273 MILIARDI DI DOLLARI PER L’E-MOBILITY NEL 2021 

Secondo l’Energy Transition Investment Trends, studio effettuato da Bloomberg dedicato agli investimenti operati a livello globale per la transizione energetica, nel 2021 per incentivare la mobilità elettrica sono stati spesi 273 miliardi di dollari, ovvero il 77% in più di quando registrato nel 2020. Gli investimenti riguardano sia gli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni, sia le infrastrutture di ricarica: quelle ultra veloci sono quasi triplicate rispetto al 2020 arrivando a valere il 27% del totale, mentre le stazioni pubbliche nel 2022 raggiungeranno quota 2,7 milioni nel mondo. Leggi tutto l’articolo qui.

Il 78% DEGLI ITALIANI VORREBBE UN’AUTO ELETTRICA (INDAGINE BEI) 

Secondo quanto riportato nella seconda parte del Climate Survey 2021-2022 condotto dalla Banca Europea per gli investimenti, gli italiani sono pronti ad abbandonare i motori termici per passare a un veicolo full electric o ibrido. Nel dettaglio, il 78% è propensa all’acquisto di un veicolo elettrico, una percentuale che supera del 56% coloro che invece preferirebbero ancora una vettura diesel o benzina (22%). Leggi tutto l’articolo qui.

Motus-e dicembre
COLONNINE DI RICARICA: +35% RISPETTO AL 2020

Fonte: Motus-E. Sono oltre 6.700 i punti di ricarica installati nel 2021 in Italia, mentre le infrastrutture di ricarica di +3.514, con una crescita rispettivamente del +35% e del 36%. L’aumento più significativo è nel segmento superfast, con un deciso +45% rispetto all’anno precedente.
Leggi tutto l’articolo qui.

Motus-e Novembre
AUTO ELETTRICHE, A NOVEMBRE 2021 MERCATO IN CRESCITA +28,64%

Fonte: Motus-E. Dalle ricerche sull’andamento del mercato dell’e-mobility nel nostro Paese risulta che i veicoli PEV (Plug-in Electric Vehicle, somma di BEV, ovvero auto elettriche a batteria e PHEV, ovvero ibride plug-in) sono cresciute del 28,64% rispetto al Novembre 2020, con un incremento di 12.553 unità.
Leggi tutto l’articolo qui.

otovo auto elettriche benzina
RICARICA CON L’ENERGIA SOLARE COSTA 14 VOLTE IN MENO DEL PIENO BENZINA

Fonte: Otovo. In base allo studio chi viaggia con l’auto a benzina sostiene una spesa annuale di 1176 euro (su 10mila), mentre per l’automobilista elettrico che ricarica a casa con i pannelli solari l’importo è di 84 euro. Stando a questi dati la ricarica di un’auto elettrica con un impianto fotovoltaico sarebbe 14 volte più economica rispetto al rifornimento con la benzina.
Leggi tutto l’articolo qui.

Bloomberg NEF colonnine ricarica
DIFFUSIONE DEI PUNTI DI RICARICA VELOCE NEL MONDO

Fonte: Bloomberg NEF. Nel mondo le stazioni di ricarica veloce (>100kW) crescono a ritmi sostenuti. Se nel 2017 le colonnine fast erano solo il 4% di tutte quelle installate, nel 2019 erano il 14%. Nei primi 6 mesi le stazioni di ricarica veloce sono state il 27% del totale.

acea statistiche punti di ricarica
DIFFUSIONE NELL’EU DEI PUNTI DI RICARICA FAST

Fonte: Acea. Nella Comunità Europea ci sono 225.000 punti di ricarica per auto elettriche, ma di questi solo 25.000 permettono una ricarica veloce, ossia in meno di un’ora. Le colonnine veloci, con una capacità di più di 22 kW, sono una su nove.

CRESCITA DEI SISTEMI DI RICARICA IN ITALIA

Fonte: Motus E. Negli ultimi anni la crescita dei sistemi di ricarica in Italia è stata costante, in tutti i segmenti.